intern4
26 maggio 2017

La Promessa di matrimonio

Oggi il Blog di CapoSperone Resort vi parlerà di una promessa d’amore, la promessa di matrimonio, dopo la quale due semplici fidanzati si trasformano in una coppia di futuri sposi, impegnandosi così a passare il resto della vita insieme.

intern3

Il galateo, ma sarebbe più corretto dire “la tradizione di un tempo”, prevedeva che la famiglia dello Sposo organizzasse un pranzo per festeggiare la Promessa di matrimonio, lo sposo a sua volta si impegnava a spedire un mazzo di fiori bianchi alla futura sposa e a donarle così l’anello di fidanzamento.

Certo le cose sono un po’ cambiate, le tradizioni oggi sono molto diverse ma la Promessa di Matrimonio rimane sempre un grande evento da festeggiare!

intern1

L’Articolo 29 della Costituzione afferma che il nostro ordinamento si fonda sul matrimonio, per questo la Promessa di matrimonio ha grande importanza anche dal punto di vista giuridico e non solo spirituale.

copertina

Ovviamente la promessa di matrimonio non è vincolate, cioè non obbliga necessariamente i due fidanzati a sposarsi, ma semplicemente l’impegno è da intendersi come “morale.”

Tutto è regolato da alcuni articoli del Codice civile, secondo cui:

  • La promessa di matrimonio non obbliga a contrarlo né ad eseguire ciò che si fosse convenuto per il caso di non adempimento (Art. 79)

  • Il promittente può domandare la restituzione dei doni fatti a causa della promessa di matrimonio, se questo non è stato contratto (Art. 80)

  • La promessa di matrimonio fatta vicendevolmente per atto pubblico o per scrittura privata…[…] obbliga il promittente che senza giusto motivo ricusi di eseguirla a risarcire il danno cagionato all’altra parte per le spese fatte e per le obbligazioni contratte a causa di quella promessa […] (Art 81.)

La promessa di matrimonio è un atto civile che ufficializza il passaggio dallo stato di fidanzati a promessi sposi, in passato, come abbiamo anticipato, l’usanza aveva anche una valenza romantica, poiché coincideva con la richiesta al padre della “mano” della figlia e con la conseguente legittimazione da parte della famiglia di lei a far contrarre in matrimonio i due innamorati. Alla fine era il dono delll’anello, da parte del futuro sposo, che rendeva ufficiale il futuro matrimonio tra i due.

intern5