copertina2
17 maggio 2017

Cose da fare e sapere prima di sposarsi in Chiesa

La Promessa di Matrimonio è il primo passo per sposarsi, CapoSperone Resort vi illustra in maniera semplice tutti i passaggi che dovrete effettuare se decidete di sposarvi in Chiesa o in Comune.

cap3

Passare dallo status di “fidanzati” a quello di “Promessi Sposi” attraverso la Promessa di Matrimonio è un passaggio obbligatorio a cui ogni coppia si deve sottoporre prima di Sposarsi, una volta l’usanza prevedeva che questo giorno concidesse con la richiesta della “mano” al padre di lei, e che si festeggiasse con un ricco ricevimento il giorno del “fidanzamento”.

cap4

Oggi le cose sono naturalmente cambiate, come cambiati sono i tempi, la Promessa Matrimoniale, secondo l’Art. 79 del Codice Civile, è una “libera” dichiarazione dei futuri sposi a contrarre il matrimonio, ma senza l’obbligo della celebrazione.

Se si è deciso di sposarsi con rito religioso, per poter fare la Promessa di Matrimonio sono necessari alcuni documenti, come il Battesimo e la Cresima, che sono reperibili presso la vostra parrocchia, a questo primo iter burocratico seguirà il “Consenso Religioso”, dopo il quale vi verrà consegnato il certificato di richiesta delle pubblicazioni da consegnare in Comune (se le parrocchie dei futuri sposi non coincidono, bisognerà richiedere le pubblicazioni in entrambe).

cap2

Dopo tutto questo, alla Chiesa mancherà solo l’attestato di partecipazione al corso Pre-matrimoniale, mentre vi dovrete recare al Comune della vostra città, nell’uffico apposito dedicato alla registrazione dei matrimoni, dove dopo aver ottenuto i documenti giusti fisserete la data di registrazione del Consenso, ovvero la vostra reciproca volontà a impegnarvi a sposarvi. Dopo questo altro iter seguiranno le pubblicazioni in Comune, che come sempre hanno il ruolo di informare sui matrimoni che ci saranno nei mesi successivi.

cap1

Quindi per effettuare la promessa di matrimonio bisogna presentarsi in Comune (con i documenti d’identità e una marca da bollo), se uno dei due futuri sposi fosse impossibilitato a presentarsi, non è necessario essere in due, infatti basterà che il futuro coniuge presente si presenti provvisto di delega su carta semplice firmata dalla persona assente, e copia del documento d’identità del delegante.

inter1

Questo è il “programma” da seguire per poter dire “sì” alla persona amata, CapoSperone Resort come sempre vi augura tanta felicità e vi suggerisce di non scoraggiarvi mai alle prime difficoltà burocratiche che incontrerete, ricordatevi di concentrarvi sul vostro progetto di nozze, così sarete sempre convinti che, nonostante le difficoltà, state facendo la cosa che desiderate di più!